Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Un bacio...un apostrofo rosa fra le parole t'amo.

Cyrano de Bergerac 

Sondaggio:

Windows XP ?...

Un grande affare
Il Sistema Operativo migliore sul mercato
Bello, ma niente di eccezionale
L'ennesima fregatura Microsoft
Una ciofeca peggiore dei suoi predecessori
Preferisco non commentare...

visualizza risultati


 

Centralina di acquisizione condizioni ambientali 1/6
di Cataldo Sasso

Eccovi la mia tesina di maturità che progettai assieme ai miei compagni della 5a C (che saluto ;-) ). Si tratta di una centralina di acquisizione di varie grandezze quali temperatura, concentrazione CO2, rilevamento gas generici ecc...

Prima di presentare il circuito è doveroso premettere che, poichè lo scopo del progetto era quello di dimostrare di aver acquisito, nei tre anni di specializzazione tecnica, buone capacità di analisi, progettazione, sviluppo e collaudo di apparecchiature elettroniche, esso potrebbe essere senza dubbio migliorato. Quindi prendete questo progetto come un insieme di spunti e idee da utilizzare meglio in altri circuiti.

In poche parole l'oggetto del progetto era il seguente:

  • progettare una centralina di acquisizione delle condizioni ambientali e realizzare un sistema di visualizzazione dello stato e dell'andamento delle varie grandezze su personal computer; sviluppare in particolare un sistema di visualizzazione su display elettronico della sola temperatura.

Il sistema in pratica si suddivide in due parti: la prima, elettronicamente più complessa, che misura e visualizza su un display a led la temperatura, e la invia poi al PC che deve anch'esso visualizzarne l'andamento; la seconda, elettronicamente molto più semplice, che misura le altre grandezze e le invia direttamente al PC. Nella figura 1 è rappresentato lo schema a blocchi dell'intero sistema.

Fig.1: Schema a blocchi del sistema

Questa suddivisione in due parti si traduce in due circuiti separati, dove il primo si occupa esclusivamente della temperatura, e l'altro delle rimanenti grandezze da monitorare. Purtroppo a causa dei carenti mezzi dell'istituto, il secondo circuito fu realizzato con solo due sensori, cioè quello di CO2 e quello dei fumi, ma potrebbe essere facilmente espandibile, in quanto la loro gestione è soprattutto via software.

 

successivo
–«  INDICE PROGETTI  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso