Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Chi mi ama amera' anche il mio cane.

John Donne 

Sondaggio:

Quale auto per non passare inosservati?

Jaguar
Mercedes
Ferrari
Maserati
Bmw
AlfaRomeo
Bugatti

visualizza risultati


 

C++ Una panoramica sul linguaggio
seconda edizione

di Paolo Marotta

Copyright © 1996-99, Paolo Marotta
Questo materiale viene reso disponibile gratuitamente e puo` essere distribuito sotto qualsiasi forma (anche cartacea) alle seguenti condizioni:

  • il materiale dovra` essere distribuito senza alcuna modifica ai suoi contenuti (salvo esplicita autorizzazione);
  • niente sara` dovuto da chi lo acquisisce a colui che lo distribuisce, salvo rimborso di eventuali spese per il supporto che lo contiene;

E` possibile contattare l'autore all'indirizzo e-mail Marotta@CLI.DI.UniPi.It, oppure al seguente indirizzo:

Paolo Marotta
Via F.lli Bandiera, 115
97019 Vittoria (RG)

 

 

1. Prefazione

2. Ringraziamenti

3. Introduzione

4. Elementi Lessicali
        4.1 Commenti
        4.2 Identificatori
        4.3 Parole riservate
        4.4 Costanti letterali
        4.5 Segni di punteggiatura e operatori

5. Espressioni e istruzioni
        5.1 Assegnamento
        5.2 Altri operatori
        5.3 Vero e falso
        5.4 Controllo del flusso

6. Dichiarazioni
        6.1 Tipi primitivi
        6.2 Variabili e costanti
        6.3 Scope e lifetime

7. Costruire nuovi tipi
        7.1 Array
        7.2 Strutture
        7.3 Unioni
        7.4 Enumerazioni
        7.5 La keyword typedef

8. Sottoprogrammi e funzioni
        8.1 Funzioni
        8.2 Passaggio di parametri e argomenti di default
        8.3 La funzione main()
        8.4 Funzioni inline
        8.5 Overloading delle funzioni

9. Puntatori e reference
        9.1 I puntatori
        9.2 Operazioni sui puntatori
        9.3 Puntatori vs array
        9.4 Uso dei puntatori
        9.5 I reference
        9.6 Uso dei reference
        9.7 Puntatori vs reference

10. Linkage e file header
        10.1 Linkage
        10.2 File header
        10.3 Librerie di funzioni
        10.4 I namespace
        10.5 La direttiva using

11. Programmazione ad oggetti
        11.1 Strutture e campi funzione
        11.2 Sintassi della classe
        11.3 Definizione delle funzioni membro
        11.4 Costruttori
        11.5 Distruttori
        11.6 Membri static
        11.7 Membri const e mutable
        11.8 Costanti vere dentro le classi
        11.9 Membri volatile
        11.10 Dichiarazioni friend

12. Reimpiego di codice
        12.1 Reimpiego per composizione
        12.2 Costruttori per oggetti composti
        12.3 Reimpiego di codice con l'ereditarieta'
        12.4 Accesso ai campi ereditati
        12.5 Costruttori per classi derivate
        12.6 Ereditarieta' pubblica, privata e protetta
        12.7 Ereditarieta' multipla
        12.8 Classi base virtuali
        12.9 Funzioni virtuali
        12.10 Limiti e regole del polimorfismo
        12.11 Classi astratte

13. L'overloading degli operatori
        13.1 Le prime regole
        13.2 L'operatore di assegnamento
        13.3 L'operatore di sottoscrizione
        13.4 Operatori && e ||
        13.5 Smart pointer
        13.6 L'operatore virgola
        13.7 Autoincremento e autodecremento
        13.8 New e delete
        13.9 Conclusioni

14. Template
        14.1 Classi contenitore
        14.2 Classi template
        14.3 La keyword typename
        14.4 Vincoli impliciti
        14.5 Funzioni template
        14.6 Template ed ereditarieta'
        14.7 Conclusioni

15. Le eccezioni
        15.1 Segnalare le eccezioni
        15.2 Gestire le eccezioni
        15.3 Casi particolari
        15.4 Eccezioni e costruttori
        15.5 La gerarchia exception
        15.6 Conclusioni

Appendice A - Conversioni di tipo

Appendice B - Introduzione alla OOP

 

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso