Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Il vantaggio delle emozioni ? che ci traviano.

Oscar Wilde 

Sondaggio:

Secondo voi quale squadra "ladra" di pi??

Juventus
Roma
Inter
Lazio
Chievo
Milan
Altro

visualizza risultati


 

Puntatori

I puntatori possono essere pensati come maniglie da applicare alle porte delle celle di memoria per poter accedere al loro contenuto sia in lettura che in scrittura, nella pratica una variabile di tipo puntatore contiene l'indirizzo di una locazione di memoria.
Vediamo alcune esempi di dichiarazione di puntatori:

 

short* Puntatore1;
Persona* Puntatore3;
double** Puntatore2;
int UnIntero = 5;
int* PuntatoreAInt = &UnIntero;

 

Il carattere * (asterisco) indica un puntatore, per cui le prime tre righe dichiarano rispettivamente un puntatore a short int, un puntatore a Persona e un puntatore a puntatore a double. La quinta riga dichiara un puntatore a int e ne esegue l'inizializzazione mediante l'operatore & (indirizzo di) che serve ad ottere l'indirizzo della variabile (o di una costante o ancora di una funzione) il cui nome segue l'operatore. Si osservi che un puntatore a un certo tipo puo` puntare solo a oggetti di quel tipo, (non e` possibile ad esempio assegnare l'indirizzo di una variabile di tipo float a un puntatore a char, come mostra il codice seguente), o meglio in molti casi e` possibile farlo, ma viene eseguita una coercizione (vedi appendice A):

 

float Reale = 1.1;
char * Puntatore = &Reale; // Errore!

 

E` anche possibile assegnare ad un puntatore un valore particolare a indicare che il puntatore non punta a nulla:

 

Puntatore = 0;

 

In luogo di 0 i programmatori C usano la costante NULL, tuttavia l'uso di NULL comporta alcuni problemi di conversione di tipo; in C++ il valore 0 viene automaticamente convertito in un puntatore NULL di dimensione appropriata.

Nelle dichiarazioni di puntatori bisogna prestare attenzione a diversi dettagli che possono essere meglio apprezzati tramite esempi:

 

float* Reale, UnAltroReale;
int Intero = 10;
const int* Puntatore = &Intero;
int* const CostantePuntatore = &Intero;
const int* const CostantePuntatoreACostante = &Intero;

 

La prima dichiarazione contrariamente a quanto si potrebbe pensare non dichiara due puntatori a float, ma un puntatore a float (Reale) e una variabile di tipo float (UnAltroReale): * si applica solo al primo nome che lo segue e quindi il modo corretto di eseguire quelle dichiarazioni era

 

float * Reale, * UnAltroReale;

 

A contribuire all'errore avra` sicuramente influito il fatto che l'asterisco stava attacato al nome del tipo, tuttavia cambiando stile il problema non si risolve piu` di tanto. La soluzione migliore solitamente consigliata e` quella di porre dichiarazioni diverse in righe diverse.

Ritorniamo all'esempio da cui siamo partiti.
La terza riga mostra come dichiarare un puntatore a un intero costante, attenzione non un puntatore costante; la dichiarazione di un puntatore costante e` mostrata nella penultima riga. Un puntatore a una costante consente l'accesso all'oggetto da esso puntato solo in lettura (ma cio` non implica che l'oggetto puntato sia effettivamente costante), mentre un puntatore costante e` una costante di tipo puntatore (a ...), non e` quindi possibile modificare l'indirizzo in esso contenuto e va inizializzato nella dichiarazione. L'ultima riga mostra invece come combinare puntatori costanti e puntatori a costanti per ottenere costanti di tipo puntatore a costante (intera, nell'esempio).
Attenzione: anche const, se utilizzato per dichiarare una costante puntatore, si applica ad un solo nome (come *) e valgono quindi le stesse raccomandazioni fatte sopra.

In alcuni casi e` necessario avere puntatori generici, in questi casi il puntatore va dichiarato void:

 

void* PuntatoreGenerico;

 

I puntatori void possono essere inizializzati come un qualsiasi altro puntatore tipizzato, e a differenza di questi ultimi possono puntare a qualsiasi oggetto senza riguardo al tipo o al fatto che siano costanti, variabili o funzioni; tuttavia non e` possibile eseguire sui puntatori void alcune operazioni definite sui puntatori tipizzati.

 

successivo
–«  INDICE  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso