Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

I pigri hanno sempre voglia di far qualcosa.

Luc de Clapiers Vauvenargues 

Sondaggio:

Come va la vita con l'Euro?

Ottimo!
Come prima
Fatico ma imparer?
Porc... che macello!

visualizza risultati


 

Attributi di X: geometria e display

Ci sono vari programmi che usano X. Alcuni, come emacs , possono funzionare sia in modalità testo, sia creando la propria finestra. Comunque, la maggior parte dei programmi per X funzionano solo sotto X.

Ci sono alcune cose comuni a tutti i programmi che funzionano sotto X. In X, la geometria di una finestra è la posizione e la dimensione della finestra stessa. La geometria di una finestra ha quattro componenti:

  • La dimensione orizzontale, che di solito viene misurata in pixel (un pixel è la più piccola unità che può essere colorata. Molte configurazioni sui PC Intel hanno 1024 pixel in orizzontale e 768 pixel in verticale). Alcune applicazioni, come xterm e emacs, misurano le applicazioni in termini di numero di caratteri che entrano nella finestra (ad esempio, si può avere una larghezza di 80 caratteri).

  • La dimensione verticale, anch'essa misurata in pixel. Anche questa può essere misurata in caratteri.

  • La distanza orizzontale da uno dei lati dello schermo. Ad esempio, +35 posizionerà il lato sinistro della finestra a 35 pixel dal lato sinistro dello schermo. D'altra parte, -50 posizionerà il lato destro della finestra a 50 pixel dal lato destro dello schermo. In genere è impossibile posizionare la finestra fuori dello schermo al suo avvio, anche se in seguito ci si può spostare (fanno eccezione le finestre molto grandi).

  • La distanza verticale dal lato superiore o inferiore dello schermo. Una distanza positiva viene misurata dal lato superiore dello schermo, ed una negativa da quello inferiore.

Tutte le quattro componenti vengono unite in una stringa di geometria di questo genere: 503x73-78+0 (in questo caso la finestra è larga 503 pixel, alta 73 pixel, ed è posizionata vicino all'angolo in alto a destra dello schermo).

Ogni applicazione X ha associato un display. Il display è il nome dello schermo controllato dal server X, e consiste di tre componenti:

  • Il nome della macchina su cui gira il server. Sulle macchine Linux stand-alone il server gira sullo stesso sistema dei client. In tali casi, il nome della macchina può essere omesso.

  • Il numero del server che gira su quella macchina. Dato che ogni macchina può avere server X multipli che ci girano sopra (cosa strana per la maggior parte delle macchine, ma possibile), ognuno deve avere un numero identificativo univoco.

  • Il numero dello schermo. X supporta un server particolare che controlla più di uno schermo alla volta. Potete immaginare qualcuno che abbia bisogno di molto spazio schermo, e che abbia quindi due monitor uno accanto all'altro. Dato che per motivi di performance non è indicato avere due server sulla stessa macchina, un solo server controlla i due monitor.

Queste tre cose vengono messe insieme in questo modo: macchina:numero-server.numero-schermo.

Ad esempio, su mousehouse, tutte le mie applicazioni hanno il display impostato a :0.0, che sta per il primo schermo del primo server sul display locale. Comunque, se uso un computer remoto, il display sarà impostato a mousehouse:0.0.

Per default, il display viene preso dalla variabile d'ambiente DISPLAY, che può essere superata usando un'opzione da linea di comando (tabella 1). Per vedere come impostare la variabile d'ambiente DISPLAY, provate il comando echo $DISPLAY.

Nome Seguito da Esempio
-geometry geometria della finestra xterm -geometry 80x24+0+90
-display display su cui si vuole far apparire il programma xterm -display lionsen:0.0
-fg colore primario del primo piano xterm -fg yellow
-bg colore primario dello sfondo xterm -bg blue
Tab.1: Opzioni standard per i programmi per X.

 

 

successivo
–«  INDICE  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso