Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

L'esperienza e' come un pettine dato a un uomo ormai calvo.

Anonimo 

Sondaggio:

In quale citt? vi piacerebbe vivere?

New York
Londra
Roma
Madrid
Parigi
Milano
Tokyo
Berlino
Altro

visualizza risultati


 

Gestori di finestre e profondità: iconizzare, ridimensionare e massimizzare

Siccome le finestre possono sovrapporsi, in X c'è il concetto di profondità. Anche se le finestre e lo schermo sono entrambi bidimensionali, una finestra può essere davanti ad altre, oscurandole parzialmente o completamente. Ci sono diverse operazioni che permettono di gestire la profondità:

  • Raise della finestra, per portarla in primo piano. Di solito lo si fa cliccando sulla barra del titolo con uno dei pulsante del mouse. A seconda di come è configurato il gestore di finestre, può essere uno qualsiasi dei tre (è anche possibile che si possa fare con più di un pulsante).

  • Lower della finestra, per mandarla sullo sfondo. Si può fare con un diverso click sulla barra del titolo. È anche possibile configurare alcuni gestori in modo che un click mandi la finestra avanti se c'è qualcosa sopra, e la mandi dietro se è in primo piano.

  • Cycling delle finestre. È un'altra operazione permessa da molti gestori: ogni finestra viene portata in primo piano in successione.

Ci sono parecchie altre operazioni che possono oscurare o nascondere completamente le finestre: la prima è l' "iconizzazione". A seconda del gestore, si può fare in vari modi: in twm, molti configurano un gestore di icone (icon manager). Si tratta di una finestra speciale che contiene un elenco di tutte le altre finestre sullo schermo. Cliccando su un nome (a seconda dell'impostazione, si può fare con un pulsante qualsiasi del mouse!) la finestra scompare (è iconificata); è ancora attiva, ma non potrete vederla. Un altro click nel gestore di icone ripristina la finestra sullo schermo.

Questo procedimento è abbastanza utile; per esempio, potreste avere xterm remoti su alcuni computer che usate solo occasionalmente; dato che raramente vengono usati tutti nello stesso momento, si possono tenere molte finestre di xterm iconificate, e lavorare solo con alcune. L'unico problema è che è semplice "perdersi" le finestre; si creano così sempre nuove finestre che duplicano le funzionalità di quelle già presenti, ma che ci si dimentica di avere iconificate. Altri gestori di finestre possono creare icone lungo il margine inferiore dello schermo, o lasciarle sparse nella finestra principale.

Ci sono altri modi diversi per ridimensionare le finestre sotto X. Di nuovo, il modo usato dipende dal gestore, e da come è configurato esattamente. Il metodo più familiare agli utenti di Microsoft Windows è di cliccare e trascinare il bordo della finestra. Se il vostro gestore di finestre crea dei bordi spessi che fanno cambiare l'aspetto del cursore del mouse quando ci passa sopra, probabilmente questo è il metodo da usare per ridimensionare le finestre.

Un altro metodo è di creare un pulsante di "ridimensionamento" sulla barra del titolo. In genere è un pulsantino sulla destra di ogni barra del titolo; per ridimensionare le finestre, si sposta il mouse su questo pulsante e si preme il pulsante destro del mouse. A questo punto si può spostare il mouse fuori dei bordi della finestra per ridimensionarla, quando avete raggiunto la dimensione voluta, lasciate il pulsante del mouse.

Un'altra operazione supportata dalla maggior parte dei gestori di finestre è la massimizzazione. In twm, per esempio, si può massimizzare la larghezza o l'altezza, o entrambe le dimensioni della finestra: questa operazione è chiamata "zoom" nel linguaggio di twm, anche se io preferisco il termine massimizzazione. Diverse applicazioni rispondono in modo diverso al cambiamento della loro dimensione (per esempio, xterm non ingrandisce il carattere, ma rende disponibile uno spazio di lavoro maggiore!). Sfortunatamente non è affatto sempre uguale il modo per ingrandire una finestra.

Un altro scopo del gestore di finestre è fornire menù all'utente per velocizzare i compiti ripetuti più frequentemente. Per esempio, si può creare una voce di menù che lancia automaticamente Emacs o un altro xterm: in questo modo non è più necessario inserire comandi in un xterm (ottimo specialmente se non ci sono xterm in esecuzione).

In generale, è possibile accedere a diversi menù cliccando nella finestra principale, che è la finestra immobile dietro a tutte le altre. Per default è colorata di grigio, ma potrebbe essere diversa (un programma divertente da provare si chiama xfishtank . Vi mette sullo sfondo un piccolo acquario). Per provare a vedere un menù, clikkate e tenete premuto un pulsante sulla scrivania. Dovrebbe apparire un menù a tendina. Per fare una selezione, spostate (senza rilasciare il pulsante) il cursore del mouse su una voce e quindi lasciatelo.

 

successivo
–«  INDICE  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso