Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Il tempo e' il modo che ha la natura per assicurarsi che ogni cosa non avvenga piu' di una volta.

Anonimo 

Sondaggio:

Quale fra queste coppie di comici preferisci?

Tot? e Peppino
Stanlio e Olio
Franco e Ciccio
Greggio e Iacchetti
Ale e Franz

visualizza risultati


 

Distributore automatico di bevande calde
di Pietro Sarro, Cataldo Sasso, Giuseppe Scappatura

Copyright © 2007 P. Sarro, C. Sasso, G. Scappatura
Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.1 or any later version published by the Free Software Foundation; with the Invariant Sections being the name of author and this warning of copyright. A copy of the license can be found at http://www.fsf.org/licensing/licenses/fdl.html
The sources shown in this document are free software; you can redistribuite them and/or modify them under the terms of the GNU Lesser General Public License as published by the Free Software Foundation; either version 2.1 of the License, or (at your option) any later version. A copy of the license can be found at http://www.fsf.org/licensing/licenses/lgpl.html
All products names and trademarks mentioned in this document are registered trademarks of respective owners.

 

Questo documento descrive le varie fasi di un progetto sviluppato per l'esame di "Metodi e Strumenti di Coprogettazione di Sistemi Elettronici" del Politecnico di Torino. L’obiettivo del lavoro consisteva nel progettare un distributore di bevande calde (caffè, latte, the, ecc...) seguendo i criteri e le metodologie viste durante il corso.

Per poter coprogettare l'hardware ed il software del sistema si è quindi utilizzato il linguaggio UML (Unified Modeling Language).

L'implementazione del modello realizzato in UML è stata realizzata in linguaggio C ed in linguaggio CodeSimulink. Il codice C è servito per implementare le parti software del sistema e come aiuto alla simulazione; il modello CodeSimulink si è reso necessario per simulare le parti hardware.

Questo documento è suddiviso seguendo il livello di astrazione del progetto: si parte nel capitolo 2 con la descrizione dei casi d'uso; si passa poi nel capitolo 3 al diagramma delle classi; si prosegue nel capitolo 4 alla descrizione dei diagrammi collaborazionali; quindi nel capito 5 si descrivono i diagrammi a stati; nel capitolo 6 viene affrontato il problema del partizionamento delle varie parti in hardware o software e dell'interfacciamento di queste, dopodiché viene descritta la realizzazione del progetto ed infine viene spiegato il funzionamento della simulazione e vengono presentati esempi di utilizzo.

Buona lettura! :-)

 

inizia
–«  INDICE PROGETTI  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso