Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Il Puritano ? una persona che versa una giusta indignazione sulle cose sbagliate.

Gilbert Keith Chesterton 

Sondaggio:

A tuo giudizio, riaprire le "casechiuse" ?...

Un modo per combattere la criminalit?
Un insulto alle donne
Una cosa da fare al pi? presto
L'ennesima stupidaggine di questo governo
Una cosa che non mi interessa

visualizza risultati


 

I buffer specializzati: le modalità

I buffer di Emacs hanno delle modalità associate ad essi; la ragione è che avete bisogno di cose diverse se state scrivendo una mail o, ad esempio, se state scrivendo un programma. Invece di cercare di fare un editor che venisse sempre incontro ai bisogni di tutti (che sarebbe impossibile), il progettista di Emacs (Richard Stallman, noto anche come "rms", che è il suo nome di login) ha scelto di far comportare Emacs in modo diverso a seconda di cosa state facendo in ciascun buffer. Quindi, i buffer hanno delle modalità, ciascuna progettata per un'attività specifica.

La caratteristica principale che distingue una modalità dall'altra sono i corrispondenti da tastiera, ma ci possono essere anche altre differenze. La modalità più semplice è la fondamentale, che non ha nessun comando speciale. In effetti, ecco cosa dice Emacs della Modalità Fondamentale:

Fundamental Mode:

Major mode not specialized for anything in particular.
Other major modes are defined by comparison with this one.

Cioè:

Modalita' fondamentale:

Principale modalita', non specializzata per niente in particolare.
Le altre modalita' maggiori vengono definite in confronto ad essa.

Per avere queste informazioni ho fatto così: ho digitato C-x b, che corrisponde a switch-to-buffer (passa al buffer), ed ho digitato "pippo" quando mi ha chiesto il nome del buffer a cui passare. Dato che non esisteva un buffer che si chiamava "pippo", Emacs lo ha creato e ci è passato. Per default era in modalità fondamentale, ma se non lo fosse stato avrei potuto digtare "M-x fundamental-mode" per portarcelo. Tutti i nomi delle modalità hanno un comando "<nome-modalità>-mode" che porta il buffer corrente in quella modalità. Poi, per avere le informazioni sulla modalità maggiore del buffer, ho digitato C-h m, che dà la guida sulla modalità maggiore corrente del buffer in cui vi trovate.

C'è una modalità leggermente più utile che si chiama text-mode, che ha i comandi speciali M-S, per center-paragraph, (centra-paragrafo), e M-s, che richiama center-line (centra-linea). M-S, in ogni caso, significa proprio quello che pensate: tenete premuti il tasto Meta ed il tasto Shift, e premete "S". Non vi fidate di me: create un buffer nuovo, portatelo in modalità testo (text-mode), e digitate C-h m. Forse non capirete tutto quello che Emacs vi dirà, ma dovreste ricavarne delle informazioni utili. Ecco un'introduzione ad alcune delle modalità usate più comunemente. Se le usate, assicuratevi di digitare C-h m in tutte, per avere altre informazioni su tutte le modalità.

 

successivo
–«  INDICE  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso