Cerca nel sito:
ricerca
avanzata

Frasi Celebri...

Se non fosse per la mia pigrizia, potrei essere l'uomo pi? pigro del mondo.

Guido Clericetti 

Sondaggio:

Quale radio ascolti solitamente?

Radio Rai
Radio Deejay
Radio Italia
Disco Radio
Radio Dimensione Suono
Radio Montecarlo
RTL 102.5
Altro

visualizza risultati


 

Gestori di finestre: creazione, messa a fuoco e spostamento delle finestre

In Linux vengono comunemente usati due diversi gestori di finestre: il primo, twm, che è l'abbreviazione di "Tab Window Manager", è più grande dell'altro che viene generalmente usato, fvwm, che sta per "F(?) Virtual Window Manager" (l'autore ha trascurato di indicare per cosa stia esattamente la f). Sia twm sia fvwm sono altamente configurabili, e questo significa che non posso dirvi esattamente cosa fanno i vari tasti nella vostra particolare configurazione.

Un gestore di finestre ha tre possibilità quando viene creata una nuova finestra: lo si può configurare in modo che sia mostrato il contorno della finestra stessa e si possa posizionarla sullo schermo ("posizionamento manuale"), oppure è possibile che posizioni da solo la nuova finestra da qualche parte sullo schermo ("posizionamento casuale"); infine, alcune applicazioni richiedono un posizionamento particolare sullo schermo, oppure è possibile che il gestore di finestre sia configurato per mostrare determinate applicazioni sempre nello stesso posto dello schermo (per esempio, posso specificare che xclock appaia sempre nell'angolo in alto a destra).

Il gestore di finestre controlla alcune cose importanti; la prima cosa che vi dovrebbe interessare è il "focus" (messa a fuoco). La finestra messa a fuoco è quella che riceve i comandi che inserite da tastiera; generalmente in X è determinata dalla posizione del cursore del mouse: se questo si trova sopra una delle finestre di xterm (potete avere più di una copia di xterm in esecuzione nello stesso tempo), quell'xterm riceverà tutto quello che inserirete da tastiera. Notate che ciò è diverso da quello che succede con altri sistemi operativi a finestre, come Macintosh, OS/2 o Microsoft Windows, dove per mettere a fuoco una finestra dovete cliccarci con il mouse: di solito, sotto X, se il cursore del mouse finisce fuori dalla finestra, il fuoco viene perso e non potrete più digitarci dentro.

Notate, comunque, che è possibile configurare sia twm sia fvwm per fare in modo che dobbiate cliccare su una finestra per metterla a fuoco, e cliccare altrove per perdere il fuoco, proprio come per Microsoft Windows. Scoprite come è configurato il vostro gestore di finestre provando o consultate la documentazione locale.

Un'altra cosa molto configurabile in X è come spostare una finestra. Nella mia configurazione personale di twm, ci sono tre modi diversi per spostare una finestra: quello più ovvio è spostare il cursore del mouse sulla barra del titolo, e trascinare la finestra per lo schermo; sfortunatamente si può configurare il sistema per farlo con uno qualsiasi dei pulsanti, sinistro, destro o centrale (per trascinare, spostate il cursore del mouse sopra la barra del titolo, e tenete premuto il pulsante mentre spostate il mouse). Probabilmente, il vostro sistema è configurato per spostare le finestre usando il pulsante sinistro.

Un altro modo per spostare le finestre è di tener premuto un tasto mentre si trascina il mouse; per esempio, nella mia configurazione, se tengo premuto il tasto e sposto il cursore su una finestra, la posso trascinare usando il pulsante sinistro del mouse.

Nuovamente, potete riuscire a capire come è configurato il gestore di finestre per tentativi o guardando la documentazione locale.

 

successivo
–«  INDICE  »–

 

 

 

 
Powered by paper&pencil (carta&matita ) - Copyright © 2001-2019 Cataldo Sasso